Voucher 3i

Voucher 3i consente alle startup innovative di accedere a consulenze per brevettare un’idea e depositarla all’ufficio italiano brevetti e marchi o all’estero. Promosso dal Ministero dello Sviluppo Economico, ha una dotazione finanziaria di 19,5 milioni di euro per il triennio 2019-2021.

Il voucher è destinato alle startup innovative, ovvero società di capitali, costituite anche in forma cooperativa, le cui azioni o quote rappresentative del capitale sociale non sono quotate su un mercato regolamentato o su un sistema multilaterale di negoziazione.

Come funziona il voucher 3I

Il voucher 3i riguarda l’acquisizione di una serie di servizi di consulenza: 

  • per effettuare ricerche di anteriorità preventive e per verificare la brevettabilità dell’invenzione;
  • per la stesura della domanda di brevetto e di deposito presso l’Ufficio italiano brevetti e marchi;
  • per il deposito all’estero di una domanda che rivendica la priorità di una precedente domanda nazionale di brevetto.

Ciascuna startup innovativa può richiedere in un anno (12 mesi conteggiati a partire dalla prima richiesta) la concessione di massimo 3 voucher per singola tipologia di servizio: in totale, quindi, non più di 9 voucher. Inoltre, i voucher richiesti per il medesimo servizio devono far riferimento a diverse invenzioni/domande di brevetto.  

Le domande possono essere presentate a partire dalle ore 12 del 15 giugno 2020 e fino all’eventuale esaurimento delle risorse disponibili.

Il voucher 3i riguarda esclusivamente i servizi e non include gli oneri relativi a tasse e diritti relativi al deposito.

Per richiedere un voucher relativo al deposito di un brevetto all’estero, la start up innovativa deve essere già in possesso della domanda di brevetto nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

English EN Italian IT